Il titolo di questo articolo sul gatto Maine Coon ha fatto sicuramente raddrizzare i capelli a molte persone. Compresi gli allevatori che si dedicano con grande passione alla cura e alla selezione di questa razza. Ma non siamo impazziti, ovviamente è ironico e qui di seguito spieghiamo il perché.

Questo articolo è ispirato e in parte tratto dall’eBook “Il gatto Maine Coon”. Maggiori informazioni qui.



zooplus.it

Ancora troppo spesso si leggono commenti e si sentono frasi errate a proposito del gatto di razza Maine Coon del tipo: “…È un gatto gigante e sarà cattivissimo!…Il Maine Coon è aggressivo visto la sua mole…Quel gatto ha uno sguardo cattivo e sicuramente non è adatto a vivere con i bambini e sarà pericoloso…Di sicuro mi demolirà tutta la casa!” ecc…

L’intenzione di questo articolo è di fornire alcune informazioni più precise a riguardo e di sfatare ulteriormente luoghi comuni e falsi miti sul gatto Maine Coon.

Maine-coon-gatto-giganteLa scelta di un Maine Coon

Maestoso, imponente e regale, il Maine Coon mostra una grande classe, per questi motivi, qualche volta, questa razza non è compresa fino in fondo.

Se da un lato l’imponenza e la stazza di questo gatto lo rendono così spettacolare e unico da volerne avere uno al proprio fianco, dall’altro proprio i suoi aspetti più caratteristici possono spaventare.

Si pensa, infatti, che sia un gatto non adatto alla vita d’appartamento e soprattutto non idoneo a vivere a contatto con i più piccoli e con gli anziani, per paura che possa ferirli o far loro del male.

Ecco la verità sul Maine Coon

In realtà, il gatto Maine Coon è sontuoso ma non sofisticato, è possente e grandioso ma non spaventoso: non è un gatto abituato a graffiare o mordere, purché, naturalmente, lo si rispetti e si fornisca il giusto spazio che si deve a un gatto di questa stazza.

Farsi sedurre da uno splendido esemplare di questa razza è semplicissimo: basta guardare nei suoi profondi e misteriosi occhi per innamorarsi di un Maine Coon e per desiderare di condividere con lui le proprie giornate. La particolarità di questo gatto, infatti, è quella di avere un’espressione sognante.
 
 

 

Il Maine Coon è un gatto gigante ma nello stesso tempo buonissimo che vive tranquillamente in casa con i suoi famigliari (sì, proprio così, si integra al 100% e fa parte della famiglia) va d’accordo un po’ con tutti ed è in grado di convivere pacificamente con cani o altri animali, insomma è un gatto molto pacifico, un patatone!

Il Maine Coon è adatto anche a vivere con i bambini, con i quali ama giocare e trascorrere il suo tempo tra agguati, salti e corse mozzafiato: l’unico accorgimento è quello di educare loro ad avere rispetto del gatto, proprio come si fa con gli altri membri della famiglia. In questo modo, saremo sicuri che il Maine Coon non avrà alcun comportamento pericoloso nei loro confronti, anche se è comunque difficile che un gatto di questa razza perda la pazienza.

Il-gatto-maine-coon-terribile-falsi-miti

Naturalmente anche l’educazione incide molto sui suoi comportamenti: è bene educarlo a una corretta condivisione della casa, dandogli tutto ciò di cui ha bisogno – cibo, giochi, amore – ma facendo anche in modo che riconosca in voi un leader da seguire.

Ricordate però: come ogni felino che si rispetti, per quanto buono sia un Maine Coon, è e resterà sempre un gatto, pertanto non stuzzicatelo troppo e non approfittate della sua proverbiale pazienza!

I maschi, talvolta, soprattutto se tenuti interi (non sterilizzati), possono essere gatti con cui è necessaria una certa coerenza nell’educazione. A dargliela sempre vinta, si rischia di tirar su un gatto che, se non accontentato, non esita a manifestare le sue rimostranze.

Per evitare futuri problemi comportamentali del Maine Coon è molto importante che i cuccioli stiano almeno 3 mesi con la loro madre in questo modo possono apprendere un comportamento adeguato in casa, in famiglia e verso altri animali.

 

Infatti un allevatore serio e qualificato non cederà i suoi cuccioli prima che abbiano completato lo svezzamento e in ogni caso mai prima che abbiano compiuto le 12 settimane di vita: questo serve soprattutto perché il cucciolo deve avere il modo ed il tempo di imparare dalla madre tutto ciò che servirà a lui per un equilibrio psico-fisico ideale.

 

Perché scegliere un Maine Coon

Il motivo che spinge a scegliere un gatto di questa razza è presto detto: il Maine Coon incarna tutte le caratteristiche tipiche del felino – l’aspetto fiero, imponente e selvaggio – rimanendo comunque un dolcissimo gatto, affettuoso, molto socievole e veramente intelligente.

È un gatto molto forte, molto ben strutturato e molto muscoloso. Sempre molto attento, è simpatico e armonioso ed ha conquistato l’uomo!

Inoltre, sebbene sia un gatto molto peloso, non è necessario eseguire una toelettatura troppo frequente o vigorosa: questo lo rende un gatto adatto a tutte quelle persone che non hanno una grande esperienza con la toelettatura dei felini e che non hanno abbastanza tempo da dedicare ad essa.

Il-gatto-maine-coon-regale-maestosoIl Maine Coon si adatta alla vita d’appartamento così come a quella in giardino, vive facilmente e senza problemi in una famiglia numerosa ma non disdegna il silenzio: questa caratteristica rende il Maine Coon un perfetto compagno di vita, sia per le persone sole, sia per le famiglie numerose. …”È il gatto un po’ di tutti perché lo amano un po’ tutti.”…

Tutto ciò che per lui è nuovo, lo incuriosisce ed innesca in lui quella istintiva propensione alla caccia ed alla scoperta: per questo motivo, anche se si adatta bene alla vita d’appartamento, è comunque consigliabile evitare di farlo stare per troppo tempo chiuso in quattro mura, e nel caso in cui sia impossibile portarlo fuori o comunque farlo svagare su un terrazzino o un balconcino, bisogna accettare la sua esuberanza nei giochi.

Anzi, proprio per evitare che il gatto si stressi è utile incitare la sua vivacità durante il momento del gioco tenendolo occupato con giochini adatti per farlo correre e compiere fantastici agguati, in cui è davvero sensazionale.


zooplus.it – Il mio negozio per animali


Il carattere del Maine Coon è il suo miglior pregio: è dolce e socievole, sa quando è il momento di allontanarsi e non è per nulla invadente; la sua voce è flebile e molto sommessa, per questo motivo è importante imparare a riconoscere i suoi stati d’animo attraverso il linguaggio del corpo e in particolare della coda, utile strumento che i gatti utilizzano per comunicare all’essere umano le proprie emozioni.

Perciò, per chi non si accontenta solo della bellezza, ma vuole trovare in un gatto carattere, personalità, intelligenza e socievolezza possiamo affermare che il Maine Coon possiede tutto questo in abbondanza poiché la natura glielo ha conferito da se.

Iscriviti alla Newsletter di Amico Maine Coon per ricevere sempre informazioni, contenuti e consigli pratici e utili (e per sopravvivere al tuo terribile Maine Coon) 🙂 In regalo per te l’eBook “Prenditi cura del tuo gatto” subito scaricabile. Clicca qui sotto:

Ebook gratis in regalo

 

Se desideri approfondire l’argomento, conoscere maggiormente questa razza o cerchi altre informazioni sul gatto Maine Coon perché sei interessato/a all’acquisto di questo magnifico esemplare felino oppure necessiti di qualche consiglio pratico per migliorare la convivenza domestica, allora potrebbe interessarti il nuovo
eBook “Il gatto Maine Coon” in offerta con il 20% di sconto.
Scopri l’eBook qui >>

Il-gatto-Maine-Coon-Ebook

Vai all’offerta >>

 

 

Pensi che questo articolo possa essere utile anche a qualche tuo amico o conoscente? Condividilo 🙂

 

Possiedi un Maine Coon e vuoi suggerire altre informazioni su questa razza? Non esitare e inserisci un tuo commento qui sotto.

Foto credit articolo: polapixjorbasa



Summary
Il gatto Maine Coon? Non prenderlo, è terribile!
Article Name
Il gatto Maine Coon? Non prenderlo, è terribile!
Description
L’intenzione di questo articolo è quella di sfatare ulteriormente luoghi comuni e falsi miti sul gatto Maine Coon.
Author
Publisher Name
Amico Maine Coon

Lascia un commento

commenti

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata